Privacy Policy Cookie Policy Passeggiare in zona San Giorgio – ChimicaOne

Passeggiare in zona San Giorgio

Basilica di San Giorgio fuori le mura

Ho la fortuna di poter passeggiare in zona Basilica di San Giorgio, una delle bellezze del territorio ferrarese.

Storicamente è stato il primo nucleo della città di Ferrara. Sorge sulla sponda destra del Po di Volano.

La Basilica di San Giorgio fuori le mura è il luogo di culto più antico di Ferrara.

In quei tempi (secolo V) la sede vescovile era a Voghenza, frazione del Comune di Voghiera. Anticamente chiamata Vicus Habentia, era un insediamento romano, posto in un ramo del Po di Volano, il fiume Sandalo.

Per la sua posizione geografica, Voghenza diventò sempre più importante estendendo il potere religioso e politico su una vasta area della pianura padana.

Tra il VII e l’VIII secolo, a causa delle invasioni barbariche, per vicissitudini politiche e religiose la sede vescovile transitò a San Giorgio. Successivamente la sede vescovile venne trasferita nell’attuale Cattedrale di Ferrara, pure dedicata a San Giorgio.

La Basilica di San Giorgio fuori le mura, in stile prevalentemente rinascimentale, fu rifatta da Biagio Rossetti nel V secolo, quindi modificata nel:

  • secolo XVI: su progetto di Alberto Schiatti
  • secoli XVII e XVIII: da Andrea Ferreri, con una nuova facciata in stile barocco.

Al centro della facciata possiamo ammirare un bassorilievo (vedi fotografia) che rappresenta San Giorgio che uccide il Drago.

Per raggiungere la basilica di San Giorgio si attraversa il ponte sul Po di Volano. Il ponte riporta quattro statue di marmo che rappresentano: San Giorgio e San Maurelio, patroni di Ferrara; San Rocco protettore contro le pestilenze, San Filippo Neri protettore dei pellegrini.

Fotografia eseguita dall’Autore

Il Campanile ed il monastero

Oltre alla Basilica, a completare il complesso architettonico troviamo il Campanile, il Monastero e la piazza.

Il campanile, in stile rinascimentale, raggiunge i 50 m.

Fotografia eseguita dall’Autore

Il progetto della torre campanaria (XV secolo) fu di Biagio Rossetti; mentre il colore rossastro è dovuto all’uso del cotto.

Una evidente caratteristica del campanile è la forte pendenza.

Nel tempo, per varie ragioni, più volte la torre ha rischiato di essere abbattuta ma fortunatamente è ancora ben salda e, con la sua mole, costituisce sempre un riferimento per gli abitanti.

Annessa alla Basilica c’è il monastero di San Giorgio della congregazione degli Olivetani con il chiostro. Quest’ultimo di stile rinascimentale ha una pianta quadrata, percorsa nel perimetro da un porticato. Al centro del chiostro è collocato un “elegante vera da pozzo (XVIII secolo) in marmo bianco e rosso“.

Qualche fotografia

Vado spesso a passeggiare in zona San Giorgio. Sono sempre stato affascinato dal complesso monumentale della Basilica fuori le mura. Il campanile, con la sua altezza, sempre ben visibile, è un riferimento. La sua bellezza è attrazione, un richiamo verso questo luogo.

Ogni tanto, porto la macchina fotografica per riprendere e raccontare ciò che mi attrae di questo importante monumento ferrarese.

Per saperne di più

  • Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara http://www.isco-ferrara.com
  • Wikipedia – L’Enciclopedia libera, https://it.wikipedia.org/
  • Biagio Rossetti 500, https://biagiorossetti500.it/
  • Borgo di San Giorgio, https://borgosangiorgio.org/

Bibliografia

[1] San Giorgio: un polesine, un santo, una basilica, una cattedrale, una visione suggestiva, Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara

[2] Basilica di San Giorgio fuori le mura, Wikipedia l’enciclopedia libera

[3] Campanile di San Giorgio, Biagio Rossetti 500

[4] La Basilica e l’antico Borgo di San Giorgio, Borgo di San Giorgio