Privacy Policy Cookie Policy Regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP) – ChimicaOne

Regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP)

Autore: R.Bigoni

Definizione e scopi del Regolamento CLP  –  [ [aggiornato al 26.07.2019 ]

Il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio, si basa sul sistema globale armonizzato delle Nazioni Unite (GHS) e ha lo scopo di garantire un elevato livello di protezione della salute e dell’ambiente insieme alla libera circolazione di sostanze, miscele e articoli.

Il regolamento CLP ha prima modificato e poi sostituito la direttiva sulle sostanze pericolose [67/548 / CEE (DSD)], la direttiva sui preparati pericolosi [1999/45 / CE (DPD)]. Insieme al regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH), è dal 1 ° giugno 2015 l’unica legislazione in vigore nell’UE per la classificazione e l’etichettatura di sostanze e miscele.

Il CLP è giuridicamente vincolante in tutti gli Stati membri e direttamente applicabile a tutti i settori industriali. Richiede ai produttori, agli importatori e agli utilizzatori a valle di sostanze o miscele di classificare, etichettare e imballare le sostanze chimiche pericolose in modo appropriato prima di immetterle sul mercato.

Uno dei principali obiettivi del CLP è determinare se una sostanza o miscela presenti proprietà che comportino una classificazione pericolosa, che è il punto di partenza per la comunicazione dei pericoli.

Quando le informazioni pertinenti (ad es. Dati tossicologici o parametri chimico-fisici) su una sostanza o una miscela soddisfano i criteri di classificazione in CLP, i pericoli di essa sono identificati assegnando una certa classe e categoria di pericolo. Le classi di pericolo in CLP coprono i rischi fisici, sanitari e ambientali.

Una volta classificata una sostanza o miscela, i pericoli identificati devono essere comunicati prima dell’immissione sul mercato agli altri attori della catena di approvvigionamento, compresi i consumatori. L’etichettatura e le schede di dati di sicurezza consentono di comunicare all’utente la classificazione del prodotto, per avvertirli della presenza di un pericolo e della necessità di gestire i rischi associati.

Il CLP stabilisce criteri particolareggiati per gli elementi dell’etichettatura: pittogrammi, parole chiave e dichiarazioni standard per pericolo, prevenzione, risposta, conservazione e smaltimento, per ogni classe e categoria di pericolo. Stabilisce inoltre standard generali di imballaggio per garantire l’approvvigionamento sicuro di sostanze e miscele pericolose. Oltre alla comunicazione dei pericoli attraverso i requisiti di etichettatura, il CLP è anche la base di molte disposizioni legislative sulla gestione dei rischi delle sostanze chimiche.

Inoltre, i seguenti processi fanno parte del CLP:

Classificazione ed etichettatura armonizzate

La classificazione e l’etichettatura di alcuni prodotti chimici pericolosi è armonizzata per garantire un’adeguata gestione dei rischi in tutta l’UE.

Gli Stati membri e i fabbricanti, gli importatori o gli utilizzatori a valle possono proporre una classificazione e un’etichettatura armonizzate (CLH) di una sostanza. Solo gli Stati membri possono proporre una revisione di un’armonizzazione esistente e presentare proposte CLH quando una sostanza è una sostanza attiva in biocidi o prodotti fitosanitari.

Nomi chimici alternativi nelle miscele

Attraverso questo processo, i fornitori possono richiedere l’uso di un nome chimico alternativo per una sostanza presente in una miscela, per proteggere la natura confidenziale della propria attività e, in particolare, i diritti di proprietà intellettuale. Qualsiasi richiesta di nomi chimici alternativi approvata dall’ECHA sarà valida in tutti gli Stati membri dell’UE.

Inventario C&L

L’obbligo di notifica ai sensi del regolamento CLP impone ai produttori e agli importatori di presentare le informazioni sulla classificazione e l’etichettatura per le sostanze che stanno immettendo sul mercato all’inventario C&L detenuto dall’ECHA.

Centri antiveleni

Un nuovo allegato VIII è stato aggiunto al regolamento CLP nel 2017, attuando requisiti di informazione armonizzati per le notifiche ai sensi dell’articolo 45. Queste informazioni sono presentate agli organismi designati nello Stato membro e sono utilizzate per la risposta sanitaria in caso di emergenza (i centri antiveleni). L’allegato VIII definisce un identificatore di formula univoco (UFI), che sarà richiesto sull’etichetta della miscela, creando un legame inequivocabile tra una miscela immessa sul mercato e le informazioni rese disponibili alla risposta sanitaria in caso di emergenza.

https://eur-lex.europa.eu/legal-content/it/TXT/?uri=CELEX:02008R1272-20190726

Lascia un commento